Antonio De Curtis: il grande Totò. La sua fama di comico lo ha consegnato al grande pubblico di molte generazioni come l’interprete geniale di una napoletanità divenuta simbolo di un paese intero: l’Italia e gli italiani, un popolo che si arrangia, che è sempre sull’orlo della miseria e della nobiltà, della fame e dell’arte di sistemare le cose, specialmente negli anni della rinascita post bellica.

La grandezza di Totò, tuttavia, non è stata soltanto quella consegnata a tutti noi dal cinema. Totò è stato anche un poeta, ha cantato con versi che riecheggiano l’andamento dei sentimenti espressi con una semplicità volutamente ricercata e trovata all’interno della grande tradizione della poesia dialettale, o meglio, della poesia che attraverso la lingua del popolo, esprime valori che sono universali: l’amore e il legame con la propria terra, la vita e la morte che vanno sempre insieme nel narrare l’eterno romanzo della condizione umana.               

Ce lo consegna così la nostra amica Miranda Marino, donandoci sapori e sensazioni che da Totò, arrivano con semplicità e profondità al nostro sentire.

Introduzione di Carlo Colognese Selezione dei brani e voce di Miranda Marino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *